Clicky

Feature: Peaking Lights


Duo, oltre che coppia nella vita, tra i più eccentrici in circolazione, Indra Dunis e Aaron Coyes rispondono al nome di Peaking Lights. Sempre in viaggio, mano nella mano, all’insegna della bassa fedeltà, tra dub, elettronica e psichedelia, i due – dopo il “caso” 936 – prima dell’estate hanno pubblicato il più raffinato Lucifer, tra i nostri preferiti della stagione.

A chiusura di un ciclo che li ha visti farsi trio con la nascita del piccolo Mikko – celebrato in Beautiful Son e protagonista in Lo-Hi con i suoi gorgheggi – come fosse una sorta di regalo di Natale solo all’apparenza inutile (sfuggono i motivi di pubblicare la dub version di un album sostanzialmente dub) arriva Lucifer In Dub (in streaming alla fine dell’intervista).

Abbiamo incontrato Aaron e Indra (e testato le notevoli doti di Piotr come babysitter con il piccolo Mikko) e quasi ce ne dimenticavamo; qualche ora prima delle loro esibizione allo scorso Sónar.
Photo by Piotr Niepsuj

Mi sono sempre chiesto come sia lavorare con il proprio compagno/compagna…
Aaron: La trovo una cosa bellissima. C’è un livello di intimità e comunicazione che ovviamente non puoi raggiungere con amici o altre persone. Anche a livello di scrittura fa la differenza.
In passato abbiamo avuto entrambi altre esperienze musicali ma adesso finalmente possiamo andare in tour insieme. Una specie di gita in famiglia…
Indra: L’altro ieri abbiamo festeggiato tutti insieme il mio compleanno ad Amsterdam!
(Grandi sorrisi)

Ho letto che avete diverse e particolari esperienze musicali alle spalle…
A: Indra ha suonato coi Numbers, Dinasty, Tractor Man… Io ho sperimentato molto con beats e drum machine e lavorato con diverse band hardcore e noise come gli Omen Compass o gli Heart Of Snow, una band goth dub.

Nel giro di poco più di un anno la vostra carriera (il successo di 936) e la vostra vita (la nascita di Mikko) è cambiata radicalmente, come avete vissuto tutto ciò?
I: Quando è uscito 936 avevo una pancia di otto mesi ed ero piuttosto concertata su quello… Non ci aspettavamo questo successo; speravamo che l’album potesse piacere ma non a questi livelli.
Telefonate, interviste, recensioni, case discografiche: “chi siete? cosa fate? come avete iniziato?”
A: Personalmente non mi aspettavo niente di tutto ciò.
Adesso la musica è diventata il nostro unico “lavoro” e ne siamo davvero felici.
D’altra parte è una vita che suoniamo; figurati che sono stato in tour almeno una volta all’anno negli ultimi diciotto.

Come nascono i vostri pezzi? Danno l’idea di essere il frutto di lunghe jam sessions.
A: Più o meno. Cominciamo dalla parte ritmica…
I: …poi aggiungiamo il basso e cominciamo a suonare insieme.
Via via arriva il resto. Può anche succedere di cominciare con una linea di piano; ma di solito va così.

Dopo averlo sentito partecipare in LO-HI e celebrare in Beautiful Son abbiamo capito che Mikko ha avuto un ruolo molto importante nella nascita di Lucifer. E’ in programma un suo inserimento graduale nella band?
I: Chi lo sa: magari. Forse invece avrà la sua band… Oppure sceglierà il football…
A: Non football americano, preferirei il calcio europeo.
I: Mikko è sempre stato con noi, anche durante le registrazioni del disco. Ovviamente non in sala, era dall’altra parte del vetro con la tata, ma c’era. Con i suoi gorgheggi, i suoi pianti e i suoi giudizi più o meno volontari sui pezzi che gli capitava di sentire.

Potendo fare un viaggio nel tempo dove vorreste andare?
A: Tornerei indietro migliaia di anni per vedere cosa combinava l’uomo.
Oppure andrei fino al momento in cui gli alieni ci cacceranno dalla Terra.
I: Mi piacerebbe andare avanti negli anni per vedere se saranno tempi bui o se le cose miglioreranno. Ovviamente preferirei la seconda possibilità.
Bisognerà vedere se la razza umana deciderà di prendersi cura di sé e del pianeta o meno.

Quindi non pensate che il mondo finirà il 21 dicembre?
A e I: No. Il 2012 è stato un anno di grandi transizioni, vediamo come andrà a finire.

Con quale grande musicista vi piacerebbe lavorare?
I: Yoko Ono
A: Yoko Ono… Interessante. E’ molto in alto nella mia classifica…
Ma dico Lee Perry.
Devo aggiungere che ci terrei particolarmente anche ad incontrare Keith Richards.

Lascia un Commento

  1. Ismael Robinson scrive:

    Great website…

    [...]we like to honor many other internet sites on the web, even if they aren’t linked to us, by linking to them. Under are some webpages worth checking out[...]……

  2. Cool sites…

    [...]we came across a cool site that you might enjoy. Take a look if you want[...]……