Clicky

Weekly Favorites: Music

The Weeknd – Trilogy (Universal Republic)

Non sappiamo cosa ne sarà di Abel Tesfaye in futuro ma possiamo tranquillamente affermare di trovarci davanti a uno dei pochi geni pop del nuovo millennio. Trilogy raccoglie i tre mixtape pubblicati nel 2011 dai suoi The Weeknd con l’intento di presentare un’opera prima in tre atti più che una raccolta di lavori indipendenti l’uno dall’altro. Un esordio mastodontico, da tramandare ai posteri, destinato a riscrivere i canoni del r&b contemporaneo.

Crystal Castles – (III) (Fiction/Casablanca/Universal Republic)

Giunti al terzo al terzo disco i canadesi Crystal Castles spengono i computer e intraprendono la strada dell’analogico registrando voci, drum machine e sintetizzatori in presa diretta su nastro. Cambia l’approccio estetico al suono ma la sostanza rimane. Un marchio di fabbrica ormai riconoscibilissimo affinato negli anni, compendio alchemico di rabbia abrasiva e contemplazione estatica, espresso da un equilibrio mai così cristallino. La quiete dentro la tempesta, perfetta.


El Perro Del Mar – Pale Fire (Memphis Industries)

A tre anni di distanza dall’ottimo Love Is Not Pop torna Sarah Assbring in arte El Perro Del Mar con un disco, il quarto della sua carriera, che esplora con grazia e talento gli affascinanti territori di un pop elettronico espressionista e multiforme. Arricchito dalla genialità dell’ex Studio Rasmus Hägg in fase di scrittura e arrangiamento, Pale Fire è un capolavoro minore, di quelli che rimarranno sommersi per anni prima di essere riconosciuti come tali. Voi non aspettate così tanto.

Lascia un Commento